Un po’ di tutto per tutti                                                      

             I Santuari della Sicilia

Maria SS. Della Catena  -  Piazza Matrice  95022 Aci Catena (Catania) 

Tel. 095 801511

 

Nell'agosto del 1392 a Palermo, regnando Martino I d'Aragona, tre poveri palermitani,

vittime innocenti di un madornale errore giudiziario, venivano condotti dalle guardie

 ad essere impiccati in piazza della Marina. Quando erano quasi arrivati, si levò

improvvisamente un forte temporale. Non potendo proseguire, dovettero cercare un

riparo e lo trovarono nella chiesa di S.Maria della Catena, detta così dalla catena che

chiudeva il vecchio porto di Palermo al fine di impedire le incursioni dei pirati saraceni.

I tre prigionieri rivolsero fervorose preghiere alla Madonna affinché li soccorresse,

essendo innocenti. Sotto gli occhi attoniti delle guardie avvenne il miracolo. Si sentì

                                                  la voce dolcissima della Madonna che diceva:

                                                  "..Andate, non abbiate più timore....".

                                                  Nello stesso istante le catene che li tenevano avvinti

                                                  caddero a terra, spezzate da una  forza potente e misteriosa.

                                                  In tutta la Sicilia si sparse la notizia di tale miracoloso

                                                  evento e subito ebbe inizio un nuovo culto mariano, quello

                                                  della "Madonna della Catena".

 

                                                   Festa: 15 Agosto e 11 Gennaio(ringraziamento)

                                        

                                         

 

                                             S. Maria della Catena  -  Contrada Fanaca

                                             98030   Mongiuffi Melia (Messina)

                                             Tel. 0942 20236/0942 20008 

 

 

                                                      Dal 1400 a oggi, meta incessante del pellegrinaggio e della preghiera di

                                                      migliaia di devoti.

 

                                                      Festa: 1° Domenica di Settembre.

 

 

Santuario Basilica del S.Cuore di Gesù e di S.Antonio - Via S.Cecilia,121 

 98123 Messina Tel.090 601301 Fax 090 60130213

                                Sorge sul luogo dell’antico quartiere Avignone, dove S.Annibale Maria

                                di Francia , dal 1878  iniziò il suo apostolato a favore dei più poveri e

                                Bisognosi. Nel 1881 venne inaugurata la prima Cappella dedicata al Cuore

                                di Gesù e nel 1921 inizia la costruzione dell’attuale Basilica, dedicata alla

                                Preghiera per le Vocazioni e Santuario di S.Antonio per la grande

                                devozione verso il Santo di Padova. E’ meta costante di migliaia di

                                pellegrini  che giungono per venerare S.Annibale M. di Francia, il cui corpo

                                incorrotto è custodito nella Cripta della Basilica,  e il Santo di Padova.

 

                                Festa: 16 maggio S.Annibale M.di Francia; 13 giugno S.Antonio

Madonna delle Lacrime - Via Santuario, 33

96100 Siracusa Tel.0931 21446                                                                               I vescovi della Sicilia il 12 dicembre 1953

fax 0931 22027                                                                                                               dichiararono che “non si può mettere in

                                                                                                                                        dubbio l’evento della lacrimazione”. Pio                            

                                                                                                                                        XII nel radiomessaggio del 17 ottobre 1954

Dal 29 Agosto al 1°Settembre del 1953                                                                        parlò della lacrimazione e Giovanni Paolo II

Un quadretto di gesso raffigurante il                                                                             il 6 di novembre 1994 ha consacrato e

Cuore Immacolato di Maria, dono di nozze                                                                  dedicato il Santuario.   

a due giovani sposi, ha pianto a Siracusa.

Innumerevoli testimoni dell’evento docu-                                                                  

mentato anche da un cinematore.                                                                                Festa: 1 Settembre

Una commissione scientifica analizzò il

Liquido affermando che si trattava di lacrime

umane. Numerose sono le guarigioni ,  dalle

300 nei primi 3 mesi, fino ad oggi.

                 Maria SS.Mater Adonai  -   Contrada Gisira 96010 Brucoli (Sr) Tel. 0931 981867

 

                                              E’ il più antico Santuario Mariano della Sicilia. Custodisce in una grotta, trasformata in chiesa  nel

                                              XVI secolo, un dipinto di Madonna con Bambino risalente al III secolo (è l’unica chiesa della   

                                              Sicilia sud-orientale ad essere rimasta indenne al terremoto del1693). La sua storia è legata

                                              all’antica comunità cristiana di Lentini che ancor prima del Concilio di Efeso la venerava già

                                              come Madre del Signore (Mater Adonai). Il cenobio

                                              appena ristrutturato può accogliere gruppi ecclesiali.

 

 

                                              Festa: 5 agosto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                              Madonna di Fatima  -  Via Canale Torto,327 –95020

                                                                                              S.Tecla (Ct)    Tel: 095 876130

 

 

                                                                                              Costruito nel 1967, 50° delle Apparizioni di Fatima, a ricordo della

                                                                                              “Peregrinatio Mariae” per ricordare l’evento. Ha per tetto il cielo ed

                                                                                              è aperto sempre di giorno e di notte. Sono molti i fedeli devoti che

                                                                                              arrivano d’ ogni parte .

 

 

                                                                                      

 

 

 

 

                                                                        Festa : 13 maggio e 13 ottobre

Santuario Parrocchia Ss. Mm. Alfio, Filadelfo, Cirino

Piazza S.Alfio  95039  Trecastagni (Ct) tel e fax 095 7806502

 

 

Dedicato ai Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino, martirizzati  nel 253 d.C. a

Lentini (Sr). A Trecastagni, da dove passarono provenienti  da Vaste  (Le),  la

comunità di queste contrade etnee eresse una icone in loro memoria. Nel 1500

fu costruita la prima Chiesa  successivamente  rifatta  e  ampliata. Il Santuario

accoglie ogni anno migliaia di pellegrini che, nella notte fra il 9 e il 10 maggio

(giorno della festa), fanno il “viaggio a sant’Alfio”, scalzi, per kilometri, per-

correndo l’ultima parte ripida fino al Santuario, chiamata “a chianata de sapunari”.

 

 

                                                     Nella Basilica si trova una Casa di Accoglienza e ampie sale del Museo Ex-voto.

                                                                                       Festa 10 maggio

 

                            Il santuario di S. Antonio da Padova   

  Piazza S.Antonio 98057 Capo Milazzo


Come testimoniano diversi scrittori antichi, il punto ove oggi sorge la Chiesa,

anticamente era una grotta,  che  serviva di rifugio ai  pescatori. Secondo lo

storico Perdichizzi, che desume  le  notizie da un antico manoscritto del suo

tempo, tale grotta fu  visitata  dallo stesso S. Antonio da Padova, durante la

sua dimora in Sicilia, molto  probabilmente, quando  tornando  dall’Africa, fu

quivi sbattuto da una tempesta.
Secondo lo storico Napoli, invece, la grotta, verso l’anno 1500, fu sistemata

da un eremita in modo  da essere abitata. Questi vi collocò un’ immagine di

S. Antonio da Padova, che venne rubata da alcuni corsari, i quali non pote-

rono ripartire con le loro navi, fino a quando  non  riconsegnarono il quadro.
La famiglia  Guerrera, discendente da  una nobilissima famiglia di Messina,

nell’anno 1575   traformò  la  grotta  in  chiesa, collocandovi l’immagine del

santo.Il dottor Maria Fedele, in seguito,fece collocare il pavimento di marmo

e costruire l’altare,  pure di marmo, che  oggi  solo  in  parte  si conserva, in

seguito ad un incendio fu distrutto e rifatto. La Chiesa con la casa annessa,

durante l’ultima guerra e precisamente il 13 agosto 1943, subì un bombardamento dal

mare. I danni furono sensibili, ma miracolosamente nessun danno subirono le persone, che in gran numero si erano rifugiate nella Chiesa, che, come si sa, è scavata nella roccia e perciò creduta asilo più sicuro. Tali danni sono stati riparati; ex novo è stata sistemata ed ammattonata la discesa e la spianata antistante la chiesa, che è stata pure for             

                                                           nita di luce elettrica, con linea appositamente costruita ed ultimamente  anche

                                                           del telefono. Tali lavori sono stati eseguiti con il solo contributo dei devoti. Con

                                                           il concorso della Sovrintendenza, sono stati revisionati i marmi, purtroppo cor-

                                                           rosi dalla salsedine ed anche il fabbricato nella parte  esterna, Sull'altare mag-

                                                           giore (1704) la  statua  lignea  del  "Santo  di  Padova", opera del XVIII secolo.

                                                           Sull'altare laterale una pregevole tela di autore ignoto del XVII secolo, raffigu-

                                                           rante la "Madonna della Provvidenza". Le pareti laterali sono rivestite di lastre

                                                           marmoree con bassorilievi raffiguranti i miracoli del Santo, eseguite dallo scul

                                                            tore Federico Siragusa.

Santuario di San Francesco di Paola   98057 Milazzo(Me) Tel 090 9281337

 

Ebbe la fortuna di essere costruito santo presente e vivente, in effetti, allora venne dedicato a Gesù e Maria. Ed in effetti avere un santo al proprio fianco aiuta, infatti a quest’ultimo vengono attribuiti diversi miracoli nella costruzione della chiesa e dell’annesso convento. Uno dei miracoli, per esempio, è quello dell’acqua. Mancando l’acqua i muratori chiesero a San Francesco cosa fare, lui indico allora dove scavare. Due grandi massi, però, ad un certo punto, impedivano di procedere nei lavori. Il santo si avvicinò, fece il segno della croce e questi divennero leggerissimi e fu possibile spostarli. San Francesco volle, però, che venissero utilizzati per la realizzazione delle fondamenta del convento e chiesa e tutt’oggi esistono ancora. Li si può vedere recintati da sbarre di ferro. I guai però non erano ancora finiti: l’acqua che sgorgava dal pozzo era salmastra. Altro segno di croce sul pozzo e l’acqua divenne potabile. Il santo profetizzò, però, che quando fosse stata costruita una cisterna per raccogliere l’acqua piovana il pozzo sarebbe tornato a contenere acqua salmastra e così avvenne. Altro miracolo fu fatto dal santo quando, fatte venire le travi per la costruzione della volta della chiesa, ci si accorse che una di esse era più corta e quindi non poteva essere appoggiata alle due pareti. Quando San Francesco ne fu informato, si fece indicare la trave, la prese tra le mani e la allungò in modo che potesse poggiare sulle pareti. La trave “miracolata” è la terza entrando in chiesa ed è segnalata da una lampadina sempre accesa. In meno di tre anni chiesa e convento furono ultimati, il santo volle si dedicassero a Gesù e Maria ma oggi ad entrambe le costruzioni si attribuisce il nome di San Francesco di Paola. Terminata la costruzione mancava ancora la campana, il santo ne adocchiò una molto bella su un vascello nel porto. La chiese in regalo al comandante della nave ma costui la voleva pagata. Non avendo denaro Francesco se ne andò al convento ma, quando il comandante volle lasciare il porto, non ci riuscì sino a che non diede in dono al santo la desiderata campana.  Sempre in tema di miracoli ce n’è uno legato alla battaglia garibaldina di Milazzo. Il 20 luglio 1860 un colpo di mortaio colpì la chiesa ma il proiettile rimase piantato dentro alla parete senza esplodere e far danni. Tutt’oggi lo si può ancora vedere conficcato, con una targa sottostante che ne ricorda l’evento. Molto bella è la cappelletta dedicata a Gesù e Maria nella quale si può ammirare una Madonna col bambino del 1465 circa di Domenico Gagini. Entrando a sinistra si può vedere una teca trasparente contenente il corpo mummificato di una monaca, coeva di San Francesco e che quest’ultimo conosceva, la beata Candida. Candida era una giovane milazzese vissuta nel 1400 ed era stata una delle prime discepole di San Francesco di Paola. Quando il santo stava per andarsene dalla città ella gli avrebbe chiesto un ricorso e lui impresse la sua immagine sulla porta di casa di Candida. Questa tavola era venerata sull’altare maggiore sino a quando non andò perduta in un incendio nel 1908. la beata morì nel 1470 e venne sepolta all’interno della chiesa, quando, tre secoli dopo venne riesumata poiché la chiesa nella chiesa si stavano effettuando dei lavori di ristrutturazione, si notò il prodigioso stato di conservazione del suo corpo. Ecco che si decise quindi ricomporne il corpo, ricoprendo con una cera policroma volto e piedi, vestendola con gli abiti dell’epoca, di adagiarla su un cuscino, come se dormisse e di collocare nella teca un piccolo vaso contenente il sangue della Beata. Sull’urna vennero quindi apposti i sigilli del Prefetto del Sacrario Apostolico.

Maria SS. Della Provvidenza  Contrada Dammusi San Giuseppe Jato Diocesi di Monreale (Pa)

 Tel 0924 36902

 

 

All’alba del 21 luglio 1784 avveniva un fatto straordinario: il contadino Onofrio Zorba,

svegliato dalla Santa Vergine, invitato a scavare per terra trovò un quadro dipinto su

ardesia. Sul luogo è stato costruito il Santuario.

 

 

 

                                        Festa: 20 e 21 luglio

Santa Maria della Vena  95010 Vena fr. di Piedimonte Etneo

 Te. 095 644152

 

 

 

 

Le   origini  risalgono  al  597 dell’era  cristiana. Quando  dei monaci basiliani per

 sfuggire   alle    persecuzioni  e   portandosi  un’immagine della Madonna dipinta

su una tavola di cedro, si stabilirono alle pendici dell’etna. Il culto della Madonna

di   Vena  ebbe  in  queste  contrade  una  grande  diffusione; la sua storia risale al

 medioevo e la chiesa sorge sui ruderi del vecchio eremo basiliano,   distrutto  dai

 vari terremoti e colate laviche verificatisi nel corso dei secoli.  All’ interno  della

 moderna struttura si possono ammirare dei mosaici che descrivono le varie vicende

dell’antico monastero. Il Santuario è stato consacrato  il 30 maggio 1931   da 

Sua Ecc. Mons. Evasio Colli. L’icona bizantina fu solennemente incoronata il 1°

settembre 1957 da Sua Ecc. Mons. Salvatore Russo.

 

 

Festa: 1°sabato di settembre

                         Santuario Beata Maria Vergine del Carmelo   95036 Randazzo (Ct)

                                                                           Tel. 095 921011

 

 

 

La Chiesa è stata dichiarata Santuario diocesano il 2 luglio 1941

da Sua Ecc. Mons. Salvatore Russo. L’origine risale al sec. XVI.

La Statua è stata incoronata il 15 agosto 1952 da Sua Ecc. l’Arci-

vescovo Ferdinando Cento.