Un po’ di tutto per tutti    

         Apparizioni mariane 54

ROMA. La Madonna apparve spesso, dall'aprile 1977, alla casalinga Armanda S. che era impegnata come catechista parrocchiale. Durante le apparizioni la Madre di Dio le trasmise importanti messaggi, che furono registrati e trascritti. Furono pubblicati i libri: Maria parla al mondo e Maria parla alle famiglie. Il prelato Nicola Storti, referente dell'Archivio segreto vaticano, così ha dichiarato: «Io ho pregato insieme con Armanda e l'ho sentita parlare improvvisamente con una voce così tenera e dolce, con delle vibrazioni calde e marcate che non potrò mai più dimenticare: era la presenza terrena della Madre del cielo... I pensieri che esprime e come li esprime non possono provenire da una povera creatura di questa Terra. Infatti l'atteggiamento e il modo di parlare durante la "trance" di Armanda inducono a riflettere anche il più grande scettico».

BRUXELLES (BELGIO). La Madonna apparve nella notte del 24 febbraio alla signora N.W. come «Guarigione degli infermi» e le comunicò che da quel momento le veniva donata una particolare forza taumaturgica che poteva agire anche a distanza. Da quel momento la signora W. ha aiutato molte persone malate, vicine e lontane. 

BERLICUM (OLANDA). Maria  apparve come «Torre di Davide» a Elisabetta Sleutgens e la guarì. Era il 16 luglio 1978. Da allora ci furono altre apparizioni e numerosi messaggi che richiamavano alla preghiera e all'espiazione, allo scopo di riportare ordine e unità nella confusione del tempo e nella Chiesa. Il 21 novembre, la Madonna apparve a Elisabetta in un mantello rosso e mostrò i numerosi bambini che non erano potuti venire al mondo a causa dell'aborto.

OTTOBEUREN (GERMANIA). La mistica Maresa Meschenmoser (nata nel 1923) ebbe anch'ella visioni e apparizioni della Madre di Dio. Durante la sua prima comunione, all'età di dieci anni, Maresa vide irradiarsi dal tabernacolo uno strale di luce e sentì la voce di Gesù chiederle: «Vuoi essere un agnello sacrificale?». La ragazza accettò e da allora divenne un agnello di Dio, dedita all'opera sacrificale di purificazione dei peccati del mondo. Padre Otto Timme fu il suo confessore per 31 anni. Quando costui morì, Gesù volle che la guida spirituale di Maresa fosse, oltre al nuovo parroco, anche sua Madre, Maria SS. La mistica visse interamente come sacrificio inumato per i peccati del mondo; terminò il suo compito sulla Terra il 15 ottobre 1987. Dopo la morte tutte le sue visioni, le illuminazioni divine e le comunicazioni di Gesù e Maria sono state documentate nel libro Weg einer Menschenseele zu Gott (Un'anima in cammino verso Dio). Tra il 4 marzo e il 4 giugno 1980 la veggente ebbe spesso visioni sulle tristi condizioni dei nostri tempi e sul giudizio divino che prepara l'avvento della nuova Terra secondo il piano salvifico di Dio. 

CATANIA (SICILIA). Nell'appartamento della famiglia Castorina si trova una statua di gesso della Madonna. Un giorno Tiziana, la figlia minore di due anni e mezzo, viene trasportata in ospedale quasi in fin di vita a causa di un'intossicazione da detersivi. La madre allora si rivolge alla Madonna e piangendo dinanzi alla sua statua la supplica di salvare la figlia. Miracolosamente la statua della Madre di Dio inizia a lacrimare sangue e contemporaneamente la piccola guarisce. Diffusasi la notizia, accorrono migliaia di persone che attestano l'evento miracoloso. Molti intingono nel sangue, che emana un odore paradisiaco, batuffoli di ovatta e li strofinano sui corpi dei parenti infermi. A seguito di questo trattamento hanno luogo immediatamente alcune guarigioni miracolose. Padre Sivirri prega ogni venerdì dinanzi alla statua insieme con numerosi visitatori ed è testimone di un'altra lacrimazione di sangue. Gli uffici ecclesiastici competenti vengono tempestivamente informati di questi eventi soprannaturali e tutti sperano ancora in un giudizio positivo del fenomeno. La figura della veggente, la signora Castorina, è contraddistinta da diverse doti: l'umiltà, la buona accoglienza a tutti i pellegrini, la pazienza nel sopportare le critiche e le derisioni degli increduli e, non ultima,la sua fervente devozione alla Madonna. 

CUAPA (NICARAGUA). Maria apparve nel periodo maggio-ottobre 1980 al catechista Bernardo Martinez. Le apparizioni si manifestavano puntualmente il giorno 8 di ogni mese. La Santa Vergine si mostrava al veggente come una donna nera, con i capelli neri e un mantello ricoperto di pietre preziose; sul capo portava una corona preziosa. Nella sua ultima apparizione tutti gli astanti poterono vedere un cerchio luminoso. Il 13 novembre 1982 il vescovo locale pubblicò un resoconto delle apparizioni dove manifestò la sua opinione positiva sulla natura soprannaturale delle stesse. I messaggi della Madonna al veggente furono incentrati sull'importanza di amare il prossimo e di contemplare i misteri del Rosario. Volle essere chiamata in queste apparizioni «Madre di tutti i peccatori».

DEIR-EL-ARMAR (LIBANO). L'arcivescovo greco, melchita-cattolico, Elias Zoghy di Baalbeck, ci narra una vicenda realmente accaduta che gli fu riferita da un suo conoscente, il padre mariano Boutros Mounsef. Costui era monaco in un convento presso il villaggio sulla montagna omonima di Deir-el-Ahmar. Un giorno, mentre Mounsef scendeva dalla montagna per lo stretto sentiero, incontrò una Signora vestita di nero e con le mani nere di bruciato. Alla domanda del monaco perché avesse le mani in quelle condizioni, si sentì rispondere in questo modo: «Io sono la Santa Vergine Maria, la notte scorsa ho gettato via le bombe e le fiamme da questo luogo per preservarlo da ogni disgrazia». 

ESCORIAL (SPAGNA). Amparo Cuevas è la moglie di Nicasio Bardenas Bravo ed è madre di sette figli; riceve, dal novembre del 1980, alcune apparizioni di Gesù e Maria. La Santa Vergine le indica la possibilità di mitigare il castigo divino con sacrifici espiatori, preghiere e conversioni. La Madonna rivela alla donna anche il significato dei segni mistici nel cielo per rendere gli uomini coscienti della volontà del Padre supremo. Amparo parla durante le sue frequenti estasi in lingue sconosciute e antiche, inoltre riceve il dono della bilocazione e delle sante Stigmate. 

GENOVA (LIGURIA). A Genova nel 1980, secondo la tradizione locale, fu vista la S.Vergine accompagnata dall'Arcan gelo Michele. Aveva una veste color del cielo e annunciò la prossima venuta dell'epoca dell'amore universale.

NISCEMI (SICILIA). Nella diocesi di Caltanissetta, in una grotta di Niscemi, fu vista da migliaia di persone una statua della Madonna lacrimare sangue. Il vescovo, monsignor Leonardo Stella, esaminò l'avvenimento ed esclamò: «Ho proprio visto!». Per preservarla da ogni eventuale manipolazione, la statua fu posta in una nicchia di vetro sigillata. 

FILADELFIA (STATI UNITI). Nel periodo che va dal 1° maggio 1980 fino al 16 marzo 1984 apparve a una veggente rimasta sconosciuta la SS. Vergine in qualità di «Madre del soccorso divino». Richiamò il mondo, per mezzo della donna, a vegliare sui pericoli dei tempi moderni, a praticare intensamente la preghiera e l'espiazione e a seguire la Via Crucis con fervente amore e fede. 

ROMA. «Madre Gemma», così chiamata da molti, ha ricevuto apparizioni e messaggi della Santa Vergine Maria. La Madonna infatti le è apparsa la prima volta il 3 aprile 1980 come «Madre del santo aiuto». Era accompagnata da Gesù e comunicò a madre Gemma i messaggi sulla venuta dei «tempi». Dal 1981 sono stati comunicati alla veggente molti altri ammonimenti sull'approssimarsi dei tempi difficili. Maria ammonisce ed esorta affinché i fedeli si preparino ad accogliere con sincerità la purificazione della Terra, poiché solo coloro che saranno sinceramente preparati potranno contare sul pieno santo aiuto della Madre di Dio. 

KIBEIIO (RUANDA). Cinque alunne di una scuola: Alphonsine Mumureke, 17 anni, Anathalie Mukamazimpaka, 20 anni, Marie-Claire Mukangango, 20 anni, Valentine Myiramuhoza, 18 anni e Stephanie Mukamurenzi, 14 anni, videro la Madonna. Erano con una suora, la loro insegnante. La Madre di Dio apparve loro in una bellezza stupenda e insegnò loro a pregare e a cantare inni sacri. Inoltre trasmise alle ragazze alcuni messaggi. Maria SS. si manifestò alle veggenti dal 28 novembre 1981 al 28 novembre 1989. La Santa Vergine apparve alle ragazze e alla suora in una veste bianca, candida come la neve, nella figura di una indiana dalla pelle scura. Parlò con le alunne anche dei problemi quotidiani, benedisse i loro rosari e l'acqua e insegnò loro a recitare bene il Rosario. Si dimostrò molto buona e amichevole. Il 15 maggio 1982 giunsero sul luogo delle apparizioni quindicimila persone. In questo giorno si ebbe un'apparizione particolare molto lunga, durante la quale la Madonna volle mostrare i peccati del mondo con scene simboliche e ammonitrici, tra cui un abisso, sangue e molti alberi in fiamme. Poi esortò gli uomini, per mezzo delle veggenti, alla preghiera e al sacrificio. Un segno particolare attestò la presenza soprannaturale di Maria: gli astanti notarono che nella giornata di sole splendente molte stelle luccicavano in cielo come se fosse notte. 

LA TALAUDIÈRE (FRANCIA). La Talaudière si trova vicino alla città industriale di Sannt-Etienne. Blandine Piegay, una ragazza di 14 anni abitante in questo luogo, vide la Madonna nell'ottobre del 1981. La Santa Vergine comparve alla veggente, prima nella sua camera e poi nel giardino, vestita di bianco con un velo blu e una croce sul petto. Molte persone videro anche un prodigio solare simile a quello di Fatima. Maria SS. lasciò due messaggi per i fedeli, dove li richiamava alla preghiera devota e alla recita del Rosario, e per i preti, invitandoli a celebrare la Messa in latino e a indossare di nuovo l'abito talare.

OHLAU (POLONIA). Questa è la storia del guaritore polacco Kazimierz Domanski di 47 anni, che suscitò tanto scal- pore tra il popolo e turbamento per le autorità comuniste dell'epoca. Kazimierz Domanski ebbe un grave infortunio sul lavoro e rimase ferito al capo. Fu ricoverato per essere operato al cervello. La sera precedente l'operazione vide la Madonna che silenziosamente lo guarì con il solo sguardo e gli donò facoltà taumaturgiche. Il giorno 8 giugno 1983 la Madonna gli apparve una seconda volta e lo incaricò di richiamare alla preghiera, all'espiazione e alla confessione tutta la gente con la quale entrava in contatto. L'uomo, guidato dal suo confessore, descrisse nel suo Diario altri 81 messaggi e apparizioni mariane. La polizia, però, impedì a Domanski di operare come guaritore. Le moltitudini di pellegrini e di infermi giunti fino al luogo delle apparizioni, richiamati dalle guarigioni miracolose, furono minacciati e trattenuti. Alla fine del regime comunista in Polonia, caddero anche tutti gli impedimenti per l'attività di Domanski, il quale intraprese perfino viaggi lontani ed è divenuto uno dei più significativi veggenti carismatici del presente. Migliaia di persone furono testimoni di prodigi solari, migliaia ancora sono state da lui guarite. La Chiesa temporeggia, finora ha solo tollerato i pellegrinaggi devozionali, ma non ha espresso ancora nessun parere. L'8 dicembre 1985 circa quarantamila persone assistettero in Ohlau a un prodigio solare che ricorda sotto alcuni aspetti quello di Fatima. 

DAMASCO (SIRIA). Nell'appartamento della giovane coppia Nikolaus Nazzour e Myrna Akhras, il 27 novembre 1982, viene vista scorrere una sostanza oleosa dalle pareti. Già il 22 novembre Myrna aveva notato lo stesso fenomeno sulle sue mani. Il 15 dicembre la donna riceve delle apparizioni di Maria SS.; queste si ripetono, collegandosi spesso con brevi messaggi sulla conversione dei peccatori: «La Chiesa è il Regno di Dio sulla Terra! Chi si è macchiato della colpa di separarsi dalla Chiesa, si è separato dal Corpo mistico di mio Figlio e ha peccato infinitamente!». Anche Gesù appare il 31 maggio 1984 comunicando alla veggente che la fine dei tempi è prossima, e poi: «... Io fui crocifisso per amore vostro e voglio che voi portiate la vostra croce con amore e pazienza nell'attesa del mio ritorno tra voi... Non c'è nessuna guarigione senza croce. Non temere figlia mia, io ti darò le mie piaghe con le quali espierai le colpe del mondo...». Dopo questo messaggio di Gesù, il 25 novembre 1984 Myrna viene stigmatizzata. Molte persone, tra le quali anche preti e medici, possono testimoniare i segni carismatici e mistici della veggente. Con l'applicazione di quest'olio miracoloso si sono manifestate molte guarigioni prodigiose.  

 

HomeElenco generalePag.1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 910 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34  - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 4041 - 42 - 43 - 44 - 4546 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61