Un po’ di tutto per tutti    

                 Apparizioni mariane 32

BADEN-BADEN (GERMANIA). Maria SS. apparve alcune volte a Francesca Nisch (1822-1913) che, con il nome di Ulrica, fu membro della Misericordia delle sorelle della croce a Ingenbohl in Svizzera. Un giorno, mentre si trovava nella casa di san Vincenzo a Baden-Baden, suor Ulrica ebbe un'apparizione di Gesù Cristo e dell'Immacolata Concezione, in una cornice di bellezza celeste senza paragone. La serva di Dio trovò la sua dimensione mistica attraverso la preghiera. Sperimentò profonde estasi di vero valore interiore e fervente devozione. Divenne sposa mistica di Cristo, vide, appena entrata nell'Ordine religioso,il suo Angelo custode ed comprese che ogni persona avrebbe potuto godere di questo privilegio celeste. Dopo ebbe profonde contemplazioni di Dio, degli Angeli e dei Santi, ma soprattutto vide frequentemente la Santa Vergine Maria e fu un'acuta veggente. Suor Ulrica condusse, come consorella cuoca della comunità religiosa, una vita di umiltà e di instancabile devozione al servizio del prossimo. L'8 maggio 1913 rese la sua anima a Dio nell'ospedale delle sue consorelle. Dopo la sua morte molte preghiere di suoi devoti vennero esaudite e confermarono la sua santità. Durante la cerimonia di beatificazione, il l° novembre 1987, nella chiesa di San Pietro a Roma, il papa così concluse: «Viene beatificata perché coltivò un amore per il Signore e per il prossimo senza misura e nei 31 anni della sua vita ha dimostrato di adempiere e di vivere secondo l'insegnamento e le beatitudini del Vangelo». 

TOURTRES (FRANCIA). Una signora maestosa e dall'aspetto materno apparve tre volte, tra il 18 e il 20 settembre 1910, alla ventinovenne Maria Eymard (+ 1973) e disse di chiamarsi «Madre e rifugio dei peccatori». 

WEYBURN (CANADA). La venticinquenne Dorotea Clemens, a partire dal 28 novembre, ebbe alcune apparizioni della Madonna come «Nostra amata Signora del Carmelo». 

ALZONNE (FRANCIA).  La S.Vergine Maria apparve, tra il 1913 e il 1921, a circa cinquecento persone; non se ne conoscono le circostanze e i particolari. Una buona parte di questi veggenti poté apprendere alcuni messaggi profetici che preannunciavano il secondo conflitto mondiale. In questo periodo, molte persone si convertirono al cattolicesimo. 

LA MARNA (FRANCIA). Molti soldati tedeschi durante la battaglia della Marna, dal 5 al 12 settembre 1914, videro comparire in cielo una Signora dall'aspetto magnifico vestita di bianco che li intimò di arrestare la loro avanzata. I soldati, che erano stati testimoni dell'apparizione, ricevettero l'ordine categorico dai superiori di non parlare con nessuno del fenomeno miracoloso al quale avevano assistito. 

KOLOMENSKOJE (RUSSIA).  Il 13 febbraio 1914 la contadina russa Eudikia Andrianowa udì una voce provenire dal suo intimo che le sussurrò di cercare un'icona miracolosa a Kolomenskoje, un luogo nei dintorni di Mosca. Andrianowa, guidata da questa voce, trovò veramente l'icona che poi divenne oggetto di culto.

VIOLET (FRANCIA). Nella cappella della Madonna delle grazie Notre Dame des Bois, padre Lamy (cfr. Gray, 1909) fu privilegiato da alcune visioni di Maria SS. e si manifestarono alcuni miracoli. 

WELBERG (OLANDA).   La Madonna apparve dal 1915 numerose volte a Giovanna Gorissen (nata nel 1907). La prima volta la mistica vide la Madonna come «Mammina». Con l'aiuto degli Angeli fu dipinta un'immagine di questa apparizione. Giovanna Gorissen ebbe la grazia delle sante Stigmate e si dedicò ai sacrifici espiatori per le anime del mondo. La Santa Vergine le apparve sempre mostrando uno sguardo materno, ma anche con un portamento giovanile. 

PARIGI (FRANCIA). Maria SS. apparve tra il 1916 e il 1929 frequentemente a Marie-Madeleine Zoegger e la esortò a dedicarsi a pratiche espiatrici. A questo fine la veggente fondò la comunità delle anime espiatrici del Cuore di Gesù con il compito di curare le virtù dell'umiltà, della pazienza, della bontà del cuore e della misericordia. 

CHATEAU-GOMBERT (FRANCIA) Maria SS. apparve il 15 agosto a Maria Teresa Noblet per consolarla e mostrarle il senso delle sue sofferenze. L'11 febbraio 1921 le apparve ancora la Madonna e la guarì dei suoi mali. Alla fine di giugno, durante un pellegrinaggio, Maria Teresa ebbe il privilegio di avere un'altra apparizione silenziosa e molto significativa della Santa Vergine alla Grotta di Lourdes. 

MUZILLAC (FRANCIA). La Santa Vergine apparve ripetutamente, nel periodo tra il 22 maggio e il 4 luglio 1918, a tre fanciulli (di undici, otto e quattro anni). Apparve in sembianze molto giovanili e, secondo le dichiarazioni dei veggenti, si fece abbracciare spesso da loro. Disse di chiamarsi «Madre» e «Madre di Dio» e promise pace se si fosse pregato molto. Inoltre la Madonna lasciò ai piccoli veggenti un segreto per il papa. 

TORINO. Maria SS. appare a Flora Manfrinati (1907-1954) di undici anni, nel giorno della sua prima comunione e la guarisce da una grave malattia. Flora, che riceve la grazia di ascoltare le "parole" della Santa Vergine, le diffonde al prossimo. Ispirata profondamente dalla Santa Vergine, nonostante non aves­se frequentato le scuole per le sue sofferenze e i suoi mali, la mistica fonda l'Opera delle apostole educatrici. Si spegne il 12 marzo 1954. La Santa Vergine le aveva detto durante le "ispirazioni": «Lotto contro il nemico del mondo; il demonio prepara il suo esercito, io le mie schiere di Angeli». Flora Manfrinati diceva della Madre di Dio: «Siccome Maria è la Madre dell'universo, porta tutti i dolori di quest'universo e infonde in esso tutto il suo amore». 

MALMEDY (BELGIO). Un proprietario terriero di Winbomont, vicino a Malmedy, aveva avuto due salariati alle sue dipendenze per il tempo del raccolto. I due, che avevano notato le ricchezze del loro datore di lavoro, decisero di derubarlo appena finito il raccolto. Una notte, infatti, i due malviventi si intro­dussero in casa e iniziarono a prendere e raccogliere le cose più preziose. Uno di loro entrò nella stanza da letto della figlia del proprietario e la minacciò con la pistola. La ragazza, che era molto devota alla Santa Vergine Maria, impaurita da quella minaccia e da quella situazio ne, invocò nel profondo del suo cuore l'intervento di Maria Beatissima. Poco dopo l'uomo fuggi improvvisamente: l'altro vedendo il compagno scappare lo segui nella fuga. I malfattori furono ricercati e poi arrestati. Durante l'udienza in tribunale l'uomo confessò, come riporta la cronaca del tempo, che sarebbe scappato perché aveva visto improvvisa mente proprio vicino a lui una Signora «vestita di bianco» che severamente l'aveva scacciato da quel luogo. 

RATIBOR (POLONIA). La Santa Vergine apparve più volte a Maria (Mariella) Klimaschka (1895-1969). Nel suo venticinquesimo compleanno Mariella era molto vicina alla morte quando un'apparizione di Gemma Galgani la guarì. Da allora, ebbe un rapporto mistico diretto con la futura santa, che divenne la sua guida e la mediatrice delle sue esperienze spirituali. Seppur Mariella fosse stata salvata dalla morte, fu afflitta da sofferenze e malanni, che accettò volentieri su di sé quali espiazioni per le anime del mondo. Le apparizioni della SS. Vergine Maria fecero di lei una delle più grandi privilegiate. Il 17 ottobre 1911 decise di dedicarsi tutta alla Beata Vergine e fu accettata come figlia di Maria nella congregazione mariana. La serva di Dio così scrive: «Allora mi sembrò come se solo Dio mi fosse conosciuto. La SS. Madre mi accolse veramente come sua figlia. Io non so come avvenne, ma vidi improvvisamente tutto l'altare maggiore avvolto in una nuvola. Temetti all'inizio che questo fumo provenisse dalla candela, ma poi avvolse anche me per dissolversi lentamente. Mentre stavo per perdere conoscenza vidi improvvisamente la figura della SS. Vergine che si avvicinava a me. Porgendomi le braccia mi sorrideva senza pronunciar parola...». Mariella Klimaschka ebbe anche altre apparizioni e visioni, soprattutto relative ai tempi futuri e avvertimenti sulla prossima giustizia divina, così come del mistero dell'Apocalisse di Giovanni. 

BICKENDORF (GERMANIA). Anna Maria Goebel (1886-1941), vergine mistica e stigmatizzata, fu privilegiata da numerose visioni del Salvatore. Dall'8 settembre 1921 la SS. Vergine le apparve alcune volte come Immacolata Concezione, per esortarla all'espiazione e alla preghiera per le anime dei peccatori. 

FLORIVAL (PAPUA). Maria apparve nuovamente a Maria Teresa Noblet (cfr. Chàteau-Gombert, 1917) che nel frattempo era stata accolta a Papua in un Ordine missionario. Una seconda volta, durante la festa della patrona di Papua, il 31 maggio 1922, la Madonna le apparve come «Nostra amata Signora del SS. Cuore». Sorella Noblet ricevette le Stigmate e si spense il 15 gennaio 1930. 

COSENZA (CALABRIA). La SS. Vergine Maria apparve a Elena Ajello, nata nel 1895 a Montalta Uffugo. Nella primavera del 1922 ricevette il dono delle sacre Stigmate e da allora Elena ebbe molte estasi, visioni e apparizioni di Gesù Cristo e Maria con messaggi sulla necessità della redenzione e della conversione degli uomi ni dall'ateismo, dal peccato e sul giudizio e il castigo divino. Elena fondò la comunità delle Sorelle minori della sofferenza di Cristo, e partecipò personalmente alla fondazione di diciotto orfanotrofi per bambini abbandonati. La Ajello morì nel 1961 e il processo di beatificazione fu avviato dal vescovo della diocesi competente. 

AICHSTETTEN (GERMANIA). A soli 13 anni, dopo una contemplazione durante la sua prima comunione, Anna Henle (nata il 18 novembre 1871, morta il 21 febbraio 1950) scelse la corona di spine. Divenne paralitica e a 16 anni ricevette le sacre Stigmate; da allora visse fino alla sua morte come sposa mistica e sofferente del Signore. Numerose contemplazioni e avvenimenti mistici riempirono la sua vita. Il 4 ottobre 1925 le apparve in tutta la magnificenza nostra Signora di La Salette e così le disse: «Prega! Prega! Soffri pazientemente e non smettere mai di pregare, il mistero del peccato grava sul mondo; la luce del sole viene oscurata dalle nuvole della battaglia contro il maligno e illuminerà di nuovo il mondo al cospetto di Dio». 

PONTEVEDRA (SPAGNA). Il messaggio e l'apparizione di Pontevedra completano il messaggio di Fatima. Il 10 dicembre 1925, la Santa Vergine Maria apparve alla veggente di Fatima, Lucia dos Santos, nella sua cameretta nel convento delle dorotee di Pontevedra. La Madonna le mostrò il suo Cuore circondato dalle spine e la esortò a far cono scere agli uomini la necessità della loro fedeltà a questo Cuore, di confessarsi, prendere la comunione e recitare il santo Rosario. Inoltre Ella espresse il desiderio di essere contemplata per quindici minuti al giorno, meditando i misteri del Rosario, come offerta di riparazione sacrificale. Quest'apparizione fu ufficialmente riconosciuta dal vescovo di Leiria nel 1939. 

HERZELE (BELGIO). La Madonna apparve il 2 ottobre 1933 al quarantenne Jules de Vuyst nella sua camera. L'apparizione fu silenziosa e il messaggio fu di carattere interiore (per mezzo della locuzione). Lo stesso fenomeno si ripeté il 5 ottobre e nei giorni seguenti. Maria SS. esortò il veggente a recarsi a Onkerzele in pellegrinaggio. Ebbe anche una visione della Santa Vergine levitante in aria dinanzi a un gruppo di pellegrini. 

HomeElenco generalePag.1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 910 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 33 - 34 - 35  - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 4142 - 43 - 44 - 45 - 4647 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61