Un po’ di tutto per tutti    

        Apparizioni mariane 23

LICHEN (POLONIA). Nel 1850-52, periodo in cui la Polonia era spartita tra Russia e Prussia, Mikolay Sikatka si recava a pregare spesso dinanzi al ritratto della Madonna trovata da Tommaso Klossowski (cfr. Lipsia, 1813), nella cappella mariana del bosco. Il pastore Mikolay, un uomo molto devoto, un giorno vide la S.Vergine Maria dinanzi al ritratto; Ella lo incaricò di esortare la gente alla recita del S.Rosario e a contemplare le sofferenze e la morte del Signore. In una seconda apparizione, gli riconfermò l'incarico e lasciò un messaggio speciale ai preti, raccomandando loro di celebrare e tenere ben presente il grande valore della santa Messa. Nella terza apparizione il pastore vide Maria avvolta in una veste rossa e in un manto bianco con una corona preziosa. La S.Vergine parlò della conversione e del destino della Polonia, della rinascita della nazione, ma prima di ciò sarebbe avvenuta una guerra con milioni di vittime e un'epidemia. Si mostrò come buona Madre per la Chiesa e per i Polacchi. Poi la Madonna scomparve con queste parole: «I popoli del mondo si meraviglieranno quando la loro speranza di pace dipenderà dalla Polonia». Il pastore veggente dovette soffrire molto quando informò le autorità, fu addirittura arrestato e torturato in prigione. Quando però si diffuse il colera mietendo molte vittime, fu esaminato quanto detto dal pastore dalle autorità ecclesiastiche e dichiarati veritieri. Nel settembre 1852, l'apposita commissione fece trasportare il quadro miracoloso nella chiesa di Lichen; alla processione che portava il ritratto della Madonna nella chiesa presero parte più di ottantamila fedeli. Alcuni anni più tardi, per far fronte al grande movimento devozionale mariano (il culto praticato si caratterizzava per la penitenza e lo spirito nazionale), fu eretto un santuario, dove venne trasferito il quadro miracoloso della Santa Vergine Maria, Madre di Dio. Il veggente morì nel 1857, il suo corpo fu trovato ancora incorrotto quarant'anni dopo. Il 15 settembre 1967 il cardinale Stefano Wyszynski, che quand'era ancora studente ricevette la grazia di una guarigione miracolosa dinanzi al quadro della Madonna, celebrò l'incoronazione del ritratto della Beata Vergine di fronte a centocinquantamila pellegrini. 

CITTÀ DEL VATICANO. Nell'aprile del 1850 la moglie di un ufficiale, una francese protestante, si recò scetticamente nella Città del Vaticano. Mentre assisteva a un'udienza del Santo Padre, notò che proprio vicino a quest'ultimo prendeva forma un fascio luminoso nel quale apparve la figura della Santa Vergine. Per tutta la durata dell'udienza, vide Maria scomparire e riapparire tre volte. Toccata profondamente da queste chiare visioni si convertì. 

CERRETTO (TOSCANA). Veronica Nucci (nata nel 1841, morta a Ischia nel 1862 come francescana) vide Maria su un prato il 19 maggio 1853. Maria indossava una veste blu ricoperta di fiori con una corona d'oro. La Vergine apparve alla veggente anche dopo, in convento. La Madonna, piangendo sui peccati del mondo, esortò Veronica Nucci a dedicare anche i suoi dolori e le sue espiazioni alle sacre Stigmate di nostro Signore. Sul luogo della prima apparizione fu scoperta una sorgente dove iniziarono a manifestarsi le prime guarigioni. In questo luogo venne eretta una cappella mariana che fu consacrata nel 1857. 

LA PIERRAZ (SVIZZERA). Margrit Bays soffriva di un tumore all'intestino, ma fu improvvisamente guarita dalla SS. Vergine Maria durante l'apparizione dell'8 dicembre. La Vergine le disse che avrebbe sofferto ancora per i peccati del mondo. Margrit ricevette la grazia delle Stigmate; fu devotissima e molto vicina alla Madre di Dio. Morì nel 1879. 

BORDEAUX (FRANCIA). Il 24 giugno 1855, nel convento carmelitano nel quale Simone Stock morì, apparve la Madonna su una nuvola bianca con una corona regale sul capo e con le braccia aperte. Apparve per pochi istanti a tutti i frati e la breve apparizione toccò profondamente il cuore dei monaci. 

TAGGIA (LIGURIA). L' 11 marzo, fu vista una statua di Maria muovere gli occhi. Tre mesi dopo, il miracolo fu riconosciuto dal vescovo della diocesi di Ventimiglia. Pio IX si congratulò con il vescovo per sua rapida decisione. 

ASSISI (UMBRIA). La Beatissima Vergine apparve a una donna di trentasei anni, Maria-Frédérike de Bray, come «Regina degli Angeli» e la guarì da una grave malattia. In segno di gratitudine Maria-Frédérie fondò a Pouvorville (vicino a Tolosa) una comunità religiosa mariana per glorificare la «Regina degli Angeli». 

ORERO (LIGURIA). Nel giugno del 1856 Maria apparve 2 volte a Rosa Carbone (20 anni). Si rammaricò con questa giovane donna per i peccati degli uomini e la trascuratezza dei costumi, che provocavano la collera di suo Figlio. Maria raccomandò la recita di 7 Padre Nostro, Salve Regina e Gloria per essere preparati e preservati dall'improvvisa  morte.

SPOLETO (UMBRIA). La Vergine Maria apparve a Francesco Possenti (1838-1862) (18 anni) nel collegio gesuita di Spoleto. Egli portava un ritratto di Maria in una processione, quando improvvisamente sentì la voce della Vergine sus­surrargli dentro il cuore: «Francesco, il mondo non è per te, affrettati a diventare un servo di Dio!». Allora il giovane decise di servire la Maria nell'Ordine dei passionisti, prendendo il nome di Gabriele dell'Addolorata e distinguendosi per il suo forte spirito devozionale. È ricordato per le sue espiazioni, la sua profonda venerazione per la Madre Addolorata e la sua irremovibile pazienza nella malattia mortale. Nel 1908 fu beatificato e nel 1920 canonizzato. È il patrono della gioventù cattolica in Italia. Fu l'accompagnatore celeste di santa Gemma Galgani (cfr. Lucca, 1900). 

ABELLIN (PALESTINA). Il 13 novembre 1983 papa Giovanni Paolo II ha beatificato, nel segno della speranza ecumenica e della pace nel Medio Oriente, «Mirijam, la piccola araba». Ella nacque il 5 gennaio del 1846 ad Abellin (tra Nazaret e Haifa), quale tredicesima figlia della coppia Giries Banardy e Mirijam Schahyn. Dopo la morte dei genito ri venne adottata da uno zio e andò a vivere in Egitto.All'età di 13 anni fu promessa sposa. La notte precedente il giorno delle nozze, udì la voce di Gesù provenire dal profondo del suo cuore che le sussurrava chiaramente queste parole: «Tut to passa. Se tu mi regalerai il tuo cuore, sarò sempre con te!». Dopo aver ricevuto questo messaggio, la piccola araba volle restare per sempre la sposa mistica del Redentore e non volle più sposarsi. Da allora fu trattata come una schiava e dovette subire ogni genere di maltrattamenti. Quando ebbe il coraggio di affermare la sua fede per poco non venne sgozzata da suo fratello, presso il quale aveva cercato rifugio. Giacque svenuta e venne creduta morta. La notte tra il 7 e 1'8 settembre 1858, fu gettata in un vicolo di Alessandria. Mirijam era sul punto di morire quando comparve una bellis sima Signora avvolta in una veste azzurra che la risvegliò, riportandola in vita in modo miracoloso. Quando aprì gli occhi e vide la Santa Vergine, sentì queste parole: «Sii contenta anche se dovrai soffrire e soffri per Dio; Egli ti invia solo quello che è necessario, accettalo sempre per il bene». Dopo averla messa in guardia sulle tentazioni del demonio ed esortata a dedicarsi all'amore per il prossimo, le profetizzò che avrebbe vissuto in un convento in Francia e sarebbe morta nelle vesti di carmelitana a Betlemme. Poi disparve. Avvenne tutto quello che la Santa Vergine le aveva predetto: Mirijam entrò nell'Ordine carmelitano e fondò infine nel 1875 il Carmelo di Betlemme, luogo dove morì il 26 agosto 1878, dopo aver vissuto una vita ricca di grazie mistiche, penitenze, espiazioni e sofferenze. 

GREEN BAY (STATI UNITI). Maria apparve nel 1831 ad Adele Brice,in una veste bianca con una cintura gialla, come «Regina del Cielo». La esortò a pregare per la conversione dei peccatori e a guidare i figli nella fede in Gesù Cristo e nello studio del catechismo: «... Opera affinché i tuoi imparino ad amare mio Figlio». La veggente fondò un Ordine femminile. Sul luogo dell'apparizione fu fondata una chiesa per la pratica del culto mariano. 

ROSENAU (AUSTRIA). Un bambino di 3 anni,Giovanni Brunnsteiner,divenne cieco improvvisamente.Un anno dopo fu portato dai suoi genitori disperati alla fonte curativa della cappella della Croce Rossa a Hengtpas. Non appena il bambino toccò l'acqua e in particolare si bagnò gli occhi, gli apparve la Madre di Dio incoronata con il Bambino Gesù e lo guarì immediatamente dalla cecità. Da quel momento la fonte divenne famosa per il miracoloso effetto curativo. 

FRANCOULES (FRANCIA). La mistica Pauline Périé, nata nel 1838, dopo aver avuto la grazia sublime di ricevere alcune apparizioni del Salvatore, il giorno 6 settembre 1860, nella chiesa di Francoules, ebbe anche la grazia di vedere la Madonna. La Santa Vergine le apparve in sembianze giovanili con una veste ricoperta di stelle, una corona dorata e piccoli fiori nella mano. Da quel giorno Maria le apparve ancora. Qualche volta la Madonna era accompagnata da Santi e Angeli, i quali esortavano la veggente a compiere espiazioni per l'umanità decaduta. Pauline si ritirò, con sua sorella, nel 1902, in un convento vicino a Santa Fe in Argentina dove morì nel 1915. 

SPOLETO (UMBRIA). All'inizio dell'anno 1862 la Madonna apparve a un bimbo di 4 anni. Dal 19 marzo 1862,  tutto l'anno, si manifestarono eventi miracolosi dinanzi a un ritratto della Vergine nella chiesa in rovina di San Bartolomeo. 

ANGLET (FRANCIA). Maria apparve nel convento di Nostra Signora dei rifugiati al fondatore, il prete Louís Edouard Cestac (1801-1868), vicario capitolare e canonico. Gli mostrò, nella qualità di «Regina degli Angeli», in che modo le potenze demoniache devastano il mondo e come i suoi Angeli vincono il diavolo e i demoni. Cestac fondò asili e case per orfani e ragazze abbandonate, nel 1836 fondò la Congregazione delle serve di Maria. Nel 1908 fu avviato il processo di beatificazione. 

VATICANO. In molte luoghi al confine con lo stato del Vaticano (Trevi, Afile, Subiaco, San Gregorio, Tivoli, Monti- celli) si registrarono nel 1863 una serie di fenomeni miracolosi, provenienti dai diversi ritratti e statue della Madonna.

PÉTIGNY (FRANCIA). Maria Jalhay, nata nel 1807 vicino a Stavelot, era una mamma che viveva a Pétigny. Soffriva di una grave malattia alla spina dorsale e poteva solo a malapena svolgere i compiti casalinghi. Il 13 gennaio 1865 le apparve Maria in una luce soprannaturale chiarissima, avvolta in un mantello bianco, che le disse: «Ora sei guarita! Alzati, vai giù e mostrati alla tua famiglia». In quel momento la donna guarì e poté agilmente andare ad avvertire la sua famiglia dell'avvenuto miracolo. Dopo un certo tempo, la veggente venne stigmatizzata e soffri ogni mercoledì e venerdì come anima espiatrice per i peccati dell'umanità

CHAMBÉRY (FRANCIA). Una suora, di nome Marta Chambon (1841-1907), ebbe nel convento della Visitazione di Maria frequenti apparizioni della Madonna e di Gesù Cristo. Molte di queste apparizioni trattavano le dolorose Sofferenze e le Piaghe di nostro Signore Gesù Cristo. 

ILACA (CROAZIA). Nel 1865 un contadino scoprì una fonte d'acqua sorgiva. Maria apparve ripetutamente alla presenza di molte persone tra il 1866 e il 1867 in prossimità di questa fonte. Ella indicò questa fonte come luogo di guarigione sorto per suo unico volere. Infatti si registrarono in quegli anni molte guarigioni miracolose. Nel 1867 fu collocata la prima pietra per la costruzione di un santuario. 

 

HomeElenco generalePag.1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 910 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 24  - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35  - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 4142 - 43 - 44 - 45 - 4647 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61